venerdì 28 settembre 2012

Ok,ci siamo...come già promesso e premesso ho fatto la cassata siciliana...la decorazione non è il massimo se volete in internet ci sono immagini di decorazioni decisamente migliori...per essere la prima volta che la faccio non mi lamento,la assaggerò stasera a cena dai genitori del mio fidanzato,sarà la prova del nove. :-)
Bando alle ciance ecco la ricetta:

CASSATA SICILIANA
Ingredienti per il pan di spagna:
75 gr di farina 00
75 gr di fecola di patate
1 pizzico di sale
5 uova
1 bustina di vanillina (facoltativo)
150 gr di zucchero

Dividete i tuorli dagli albumi in due ciotole.Sbattete le uova con metà dello zucchero e gli albumi a neve ferma con l'altra metà e il pizzico di sale.Unite i due composti.A parte unite la farina,la fecola di patate e la vanillina e setacciatele (anche con un colino) poco per volta nel composto per  non formare grumi,girando il tutto dall'alto verso il basso con un mestolo di legno per non smontarlo.Imburrate e infarinate una telia rotonda (a cerniera è più comoda) e versate l'impasto livellando la superficie.Preriscaldate il forno a 180° e infornate per 35 minuti.Importante: non aprite mai il forno durante la cottura e lasciate sfreddare la torta in forno.


Ingredienti per la pasta reale (se volete potete comprare il marzapane gia pronto):
100 gr di farina di mandorle
100 gr di zucchero
25 ml di acqua
colorante verde per alimenti

Sciogliete lo zucchero nell'acqua sul fuoco,mescolando.Appena si addensa versare la farina di mandorle e il colorante.Mescolare bene (se vedete che si formano troppi grumi e la consistenza è troppo secca versateci un goccio,pochissima proprio,di acqua,senza rimettere sul fuoco).Fatela sfreddare e poi lavoratela con le mani (io mi sono aiutata con il frullatore a immersione per renderla più fluida e poi l'ho lavorata con le mani).
                                                                                                                                                                Non mettete farina 00 se è troppo appiccicosa,piuttosto usate lo zucchero a velo,anche da spargere sul piano dove dovrete stenderla con un mattarello.Dovrete ottenere una sfoglia di 7 mm circa.

Ingredienti per la crema di ricotta:
500 gr di ricotta fresca di pecora
300 gr di zucchero
50 gr di gocce di cioccolato fondente
qualche goccia di aroma alla vaniglia

Fate sgocciolare la ricotta dal siero.Unite la ricotta allo zucchero e alla vaniglia e tenete in frigo per un'ora.
Infine unire le goccie di cioccolato.(Io ho ottenuto una crema troppo liquida e ho riparato versandoci una bustina di Pannafix della Paneangeli).

PROCEDIMENTO:
Usate una telia bassa dai bordi svasati.
Tagliate la sfoglia di pasta reale in rombi (aiutatevi così: prendete la misura dell'altezza dei bordi della telia,fate delle striscie di quella larghezza e con il primo rombo tagliato  ricavatene altri uguali).Idem per il pan di spagna: prima tagliate la torta in tre dischi e userete uno dei tre per tagliare dei rombi.

Questi rombi andranno messi sulla parete della telia,alternati,prima in un verso poi nell'altro.Dopo posizionate un disco di pan di spagna nel fondo:

Bagnate il disco,usando un cucchiaio,con una bagna di acqua,zucchero e liquore (il rum è l'ideale) altrimenti un'altro liquore dolce senza mettere lo zucchero (il cointreau è agrumato,secondo me è un'ottima alternativa).
Versate la crema alla ricotta nello stampo e coprite completamente la superficie con l'ultimo disco di pan di spagna sbriciolato (per forza perchè servirebbe un disco più grande per coprire sopra,e non lo abbiamo :-) )

Coprite con pellicola e mettete in frigo per tre ore.

Ingredienti per la decorazione:
glassa:350 gr di zucchero a velo pochissima acqua
frutta candita:
arancia candita, ciliegie candite,mandarini canditi,zuccata. (io non ne ho trovato e ho preso ciliegine e canditi a cubetti vari)

Terminata l'attesa di tre ore tirate fuori la telia dal frigo e capovolgete su un vassoio ampio e piatto (fate così,coprite il vassoio con la carta da forno,posatela sopra e capovolgete la telia,poggiate su un piano e sfilate lentamente la telia).

Preparate la glassa: Versate lo zucchero e l'acqua nel pentolino e come arriva a bollore spegnete e versatela ancora calda sopra la cassata spalmando bene anche sui bordi,lasciate sfreddare.
Decorate.

Mangiate :-)
(come vedete la glassa non è fantastica,non sono riuscita a spalmarla bene perchè si indurisce subito!!!!!)
Oggi,dopo numerose e insistenti richieste del mio fidanzato,preparerò la cassata siciliana...è una novità per me,speriamo bene..Trovare tutti gli ingredienti originali per me è stato un dramma,soprattutto per la frutta candita e la farina di mandorle (strano ma ho dovuto girare tre super per trovarla)..la frutta che serviva non l'ho trovata,per cui la presentazione non sarà delle più belle... :-P Pubblicherò presto la ricetta con le foto..

giovedì 27 settembre 2012

PEPERONCINI RIPIENI SOTT' OLIO
Ingredienti: (per 1 kg di peperoncini tondi)
400 gr di tonno al naturale
2 manciate di capperi sott'aceto
4 filetti di acciuga sott'olio
500 ml di aceto di vino
500 ml di acqua
15 gr di sale

Lavate i peperoncini sotto l'acqua e asciugateli accuratamente.Puliteli dai semi interni,facendo attenzione a non romperli e indossando dei guanti di lattice (bruciano!!).
Dato che questo richiederà un pò di tempo approfittatene per sterilizzare i barattoli: immergeteli in una pentola d'acqua con i tappi e portate a bollore,una volta che l'acqua bolle abbassate il fuoco e lasciate sobbollire per 30 minuti.Lasciate sfreddare i barattoli nell'acqua e una volta tirati fuori fateli asciugare su di uno strofinaccio pulito.
In un'altra pentola mettete l'aceto con l'acqua e il sale e portate a bollore.Versateci i peperoncini puliti dai semi e fateli scottare,girando di tanto in tanto,per massimo 4 minuti.Scolateli,metteteli in un recipiente e fateli sfreddare in frigorifero per un'ora o due.



Preparate il ripieno.Frullate il tonno,le acciughe,i capperi fino a formare un impasto omogeneo.
Sempre indossando i guanti riempite ogni peperoncino con  il ripieno aiutandovi con un cucchiaino.

Mettete i peperoncini nei barattoli e colmate con l'olio extravergine di oliva.

Ecco fatto..conservateli in un posto fresco e al riparo dalla luce..di solito io li tiro fuori il giorno dopo per coprirli ancora di olio perchè il livello scende e poi dopo due giorni li sposto in frigorifero.Andrebbero conservati per due settimane prima di mangiarli ma io li mangio dopo una settimana e non durano più di un giorno,troppo buoni.. :-P
Piccoli accorgimenti...durante la conserva purtroppo possono formarsi delle muffe (le riconoscete,sembrano dei pallini bianchi sopra i peperoni e nella parete del barattolo) in quel caso dovrete buttare tutto,mi è capitato una volta,non so il motivo ma sentendo chi li ha già fatti capita a tutti almeno una volta..se preferite potete sterilizzare ancora il barattolo per prolungare la conservazione..Riempite una pentola di acqua,immergete i barattoli pieni e ben chiusi (non riempiteli troppo o non fa il sottovuoto,entra acqua all'interno e dovrete buttare tutto) fate bollire,abbassate il fuoco e aspettate almeno 50 minuti da quando comincia la bollitura.Poi tirateli fuori e sfreddate di colpo sotto l'acqua fredda.In questo caso conservate sempre in in luogo fresco e al riparo da luce o fonti di calore..una volta aperti conservateli in frigo.

lunedì 24 settembre 2012

Quando posso (per  fare una sorpresa al mio tesoro,che li adora) a colazione preparo i pan cakes,sono più facili a farsi che a dirsi :-P

PANCAKES
INGREDIENTI:
25 gr di burro ( o 50 ml di olio di semi )
125 gr di farina
200 ml di latte
6 gr di lievito in polvere per dolci ( circa due cucchiaini rasi )
2 uova
15 gr di zucchero
due pizzichi di sale

Dividete i tuorli dagli albumi. Nel recipiente dei tuorli aggiungete il latte e il burro fuso (o l'olio) e mescolate bene. A parte unite il lievito alla farina e versate al composto poco per volta aiutandovi con un setaccio (io ho usato un colino) per non formare grumi.

Una volta unita tutta la farina il composto deve risultare liscio e cremoso.
Nel recipiente degli albumi aggiungere lo zucchero con il sale

e montare a neve morbida,non ferma,cioè deve risultare bianca,spumosa,senza fondi liquidi ma muovendo il contenitore deve scivolare su di esso.

Unitelo a quello precedente mescolando dall'alto in basso con un mestolo di legno per non smontare gli albumi.


Procedere ala cottura:
Scaldate una padella antiaderente,abbassate il fuoco e disponete  tre cucchiai di composto per ogni frittella.
La quantità di frittelle che riuscite a farci stare dipende dalla grandezza della padella,comunque tenete conto che devono essere ben separate tra loro.
Quando si formano delle bollicine (sembreranno dei buchini) nella superficie, girate con una spatola (quella per la uova fritte è perfetta) e fate cuocere per pochi secondi anche dall'altro lato.

Potete mangiarli come preferite,io ci ho messo della marmellata di susine fatta in casa ma anche con la crema al cacao sono squisiti.Se lo trovate e se vi piace potete mangiarli nel modo originale,con lo sciroppo d'acero.

martedì 18 settembre 2012

SUSHI maki e uramaki
Premetto che per me è la prima volta che provo a preparare questo piatto,quindi se qualcuna di voi è più esperta di me in questi piatti si faccia avanti,i consigli sono sempre ben accetti!!!!!!
So che in questo piatto la cosa più importante è la cottura del riso,.riso rigorosamente giapponese.Il pacco che troviamo in molti supermercati (della Arnaboldi) non costa molto, mi sembra un euro e sessanta, una volta ogni tanto si può fare  e poi una confezione dura anche per altri tentativi.Se invece comprate tutti gli ingredienti singolarmente l'alga nori della stessa marca costa un pochino (più di 4 euro),i fogli sono tanti ma non penso che mangerò sushi tutti i giorni per  cui..penso che sia stato meglio provare il kit con tutto incluso: 180 gr di riso, 3 fogli di alga nori, salse (2 bustine di wasabi e una di salsa di soia) e stuoietta di bamboo (marca Arnaboldi,prezzo 6 euro e qualcosa).

PREPARAZIONE DEL RISO:
Prima del tanto noto foglio di alga con riso e pesce arrotolato va fatta una pulizia del riso accurata,per rimuovere l'amido. Questa pulizia è un processo che richiede tanta pazienza.
 Prima di tutto versate il riso su un contenitore ampio e versate l'acqua,senza manipolare il riso con le mani..vedrete che l'acqua diventa biancastra...buttatela facendo attenzione che non caschi il riso..magari aiutatevi con un colino,come ho fatto io.
 Rimettete il riso sul contenitore e versate per la seconda volta l'acqua,questa volta maneggiando il riso con le mani,appena l'acqua diventa bianca buttatela e rifate tutto di nuovo, fino a che l'acqua non diventerà limpida.
Una volta pronto va versato in un pentolino con 225 ml di acqua (per 180 gr di riso secondo il procedimento del kit, altrimenti vale 80 gr di acqua per ogni 60 gr di riso) e portare a bollore.
Una volta che bolle coprite con un coperchio e fate cuocere per 15 minuti,non togliete il coperchio per tutta la cottura.Una volta cotto,per chi lo possiede,si può aggiungere un bicchierino di sakè.


Preparate lo sciroppo: mettete in un pentolino 6 cucchiai di aceto di riso,3 cucchiai rasi di zucchero e 6 pizzichi di sale,mettete al fuoco e fate sciogliere lo zucchero,senza portare a bollore.


Una volta sfreddato il riso (molti nella preparazione originale utilizzano un ventaglio) aggiungere a pioggia lo sciroppo girando il riso con movimenti ampi e delicati e spostatelo in un contenitore di vetro.Se dopo questo lasciate il riso in frigo ancora un po è anche meglio perchè resterà più compatto.

PREPARAZIONE DEGLI INGREDIENTI:
1 CETRIOLO (anche la carota,se preferite)
SALMONE (se avete quello fresco è meglio,congelatelo e scongelatelo prima di usarlo così eliminerete il rischio di parassiti e altri agenti dannosi,io utilizzerò quello confezionato affumicato che si trova nei super :-P)
AVOCADO
CALAMARI (anche questi congelati e scongelati..si può usare un'infinità di tipi di pesce,io ho preferito questo)
SEMI DI SESAMO

Tagliate il cetriolo a listarelle escludendo il centro con i semini.Tagliate l'avocado a spicchi sottili.Così anche per il salmone,a fette strette e lunghe (c'è una tecnica particolare per tagliare il filetto,troppo da esperti per me  :-) ) e il calamaro a pezzi ampi in modo da poterlo tagliare e adattare al ripieno.
PREPARAZIONE SUSHI MAKI
Mettere un foglio di alga nori nella stuoietta (il lato lucido dell'alga va sotto)

inumidire le mani e prelevare una pallina (1/3 del riso preparato) e cominciando da un lato al centro verso l'altro,sempre centralmente, "allungare" schiacciando con le dita. Allargare con la punta delle dita verso il basso dell'alga e lasciare spazio nel lato lungo superiore (un cm va bene).


Spalmare un dito di wasabi al centro del riso (se vi piace,è un pò piccante) e cominciare a mettere gli ingredienti,in questo caso salmone e avocado.


 Bagnare il bordo superiore dell'alga lasciato libero e arrotolare con la stuoietta di bamboo in due "riprese": prima per comprimere bene il ripieno,poi per chiuderlo perfettamente.
 Una volta ottenuto il rotolo togliere dalla stuoietta e tagliare in 4 pezzi (qui dice  6 ma  sarebbero troppo piccoli).

PREPARAZIONE SUSHI URAMAKI
Fare lo stesso procedimento del maki ma solo fino alla stesura del riso sull'alga, infatti questo tipo di sushi sarà fatto al contrario,per questo ricoprite la stuoietta con della pellicola trasparente.
Una volta steso il riso sull'alga cospargetelo di semi di sesamo (non troppi!).


Capovolgete l'alga tenendo così il riso verso il basso e l'alga verso voi,spalmate un dito di wasabi e posizionate il ripieno.
Bagnate il lato superiore dell'alga e arrotolate sempre aiutandovi con la stuoietta. Rimuovete la pellicola e tagliate (volendo,per sicurezza e per non staccare i chicci di riso col coltello potete tagliare con sopra la pellicola,in questo caso fate attenzione a non lasciare pezzi di pellicola nel cibo).

Potete mangiare entrambi i sushi intingendoli leggermente nella salsa di soia oppure nella salsa di soia mescolata con una punta di wasabi.
Devo perfezionare la tecnica..ma il gusto era eccezionale...buon appetito! ;-)



( Torta soffice al cioccolato)

lunedì 17 settembre 2012

Torta soffice al cioccolato
Ingredienti:
200 gr di farina
190 gr di zucchero
60 gr di cacao amaro (o dolce a seconda dei gusti)
1/2 bustina di lievito per dolci
150 ml di latte
2 uova
60 gr di burro

In una terrina sbattete le uova e unite il burro fuso e il latte. A parte unite la farina allo zucchero,il cacao e il lievito.Unite i due composti e mescolate bene con un cucchiaio di legno.Imburrare una telia (o degli stampini se preferite fare i muffins,in questo caso colmateli solo per 2/3) versare il tutto e infornare a 180° per 15-20 minuti.Non aprite il forno durante la cottura o bloccherete la lievitazione.Fate raffreddare in forno per 10 minuti.